Cosa si intende per target d’acquisto?


target d'acquistoCapita sempre più frequentemente di leggere articoli o altri contributi, pubblicati all’interno di quotidiani e di riviste specializzate, relativi all’individuazione e all’analisi di nuovi targets socioeconomici, costituiti da individui con caratteristiche comuni in termini di lifestyle: preferenze in termini di comportamento d’acquisto, di adesione a determinati valori vecchi e/o nuovi, modo di porsi nei confronti delle novità contingenti (quali Internet, nuove tendenze, etc.), preferenze per il tempo libero, modelli culturali di riferimento e, in generale, modalità di relazione con il circostante contesto sociale.

In sé, si tratta di sforzi analitici che, se profusi con ordine, con metodo ed andando in profondità alle questioni affrontate, non possono che essere apprezzati, in quanto offrono validi stimoli tesi a meglio farci comprendere la realtà sociale che ci circonda e che muta, più o meno velocemente, nel corso del tempo.

Determinate analisi, in tal senso, rivestono una valenza sociologica ma anche economica, dal momento che sia le abitudini sia i modelli culturali e comportamentali ai quali si ispira il singolo individuo influiscono direttamente sulla sua propensione a determinate scelte per i propri acquisti (da quello della casa e dell’auto con certe caratteristiche fino a quello di particolari alimenti e bevande, gli esempi sono innumerevoli).

Detto ciò, lascia un po’ perplessi assistere ad una crescente tendenza ad elaborare e a descrivere, con delle modalità assertive ispirate a convinzioni di fin troppo assoluta certezza, alcuni profili riferiti a quelli che si vogliono illustrare come nuovi targets che fanno la loro comparsa inedita nel panorama sociale ed economico.

Per andare più in profondità, alcuni dei profili suddetti sembrano raffigurare tipologie di persone che soltanto in parte corrispondono alle reali caratteristiche dei nuovi targets che le ricerche intendono indagare: se sottoposti ad attenta analisi (anche solo ispirata al buon senso ed alle proprie osservazioni), alcuni profili contengono delle evidenti contraddizioni che sembrano collocarli ben distanti dalla realtà.

Per fare un esempio, sono stati pubblicati dei profili in relazione ai quali si descrive una grande propensione ad acquisti di importo certamente non modesto: viaggi intercontinentali in stupendi paesi esotici, auto dalle caratteristiche trendy con buoni optionals, frequenti cene presso ristoranti particolari, abbonamenti a palestre, arredamento in stile spesso ricercato, etc.
Allo stesso tempo, viene descritta la tendenza, che sarebbe massicciamente avvertita all’interno degli stessi nuovi targets, a svolgere le più disparate attività lavorative capaci magari anche di dare ampio spazio alla propria creatività.

Domanda: ma quanto dovrebbero guadagnare gli appartenenti ai gruppi suddetti per permettersi un tenore di vita talmente alto e ricercato come quello descritto, svolgendo, tra l’altro, le professioni più diverse e magari anche creative?

Sembrerebbe sia sufficiente volersi godere la vita a 360 gradi per poterlo fare e che già un nutrito e ben definito gruppo riesca agevolmente nell’intento…beato chi ci crede.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.