Porte e portoni blindati: consigli per l’acquisto

Portone blindato

Se state cercando una soluzione ideale per difendervi da ladri e malintenzionati vi suggeriamo di acquistare un portone blindato per la vostra abitazione. È bene tuttavia conoscere tutte le varie caratteristiche dei diversi modelli di portoni blindati prima di acquistarne uno. Il primo aspetto da tenere in considerazione è ovviamente il grado di sicurezza offerto dal prodotto, dato che si tratta di salvaguardare beni e soprattutto persone, chiaramente in base alle vostre necessità. In tal senso, vi sono 6 tipologie di classi che – dal livello più basso a quello più alto – ordinano i prodotti in base al grado di resistenza alle effrazioni e di isolamento termoacustico.

Sul sito dell’Unione dei costruttori chiusure tecniche (UCCT), potrete trovare tutti i dettagli riguardanti le caratteristiche delle porte che appartengono alle varie classi. Eccole in sintesi:

  • classe 1: porte che resistono a scassinatori che utilizzano solo la forza fisica per aprirle o divellerle; vengono utilizzate soprattutto come porte caposcala con rischio relativamente basso oppure per magazzini con merci di poco valore;
  • classe 2: porte che resistono a scassinatori occasionali che usano semplici attrezzi per tentare di forzarle – per esempio tenaglie e cacciaviti; vengono utilizzate come porte caposcala con rischio considerevole oppure per uffici ed edifici industriali;
  • classe 3: porte che resistono a scassinatori più esperti, che utilizzano per esempio piedi di porco; vengono utilizzate ancora una volta come porte caposcala con rischio considerevole oppure per villette signorili;
  • classe 4: porte che resistono a scassinatori davvero esperti che utilizzano strumenti più elaborati – come martelli, seghe, scalpelli, accette e trapani; vengono utilizzate per uffici di banche, ospedali, orologerie, impianti e laboratori industriali;
  • classe 5: porte che, come per la classe precedente, resistono a scassinatori esperti ed utilizzate in particolare per ambienti militari ed ambasciate;
  • classe 6: porte che resistono ad uno scassinatore che si avvale anche di strumenti elettrici ad alta potenza e che vengono utilizzate per ambienti che necessitano di una massima sicurezza – in particolare impianti nucleari, ambienti militari ed ambasciate.

In sintesi, se avete necessità di salvaguardare il vostro appartamento condominiale basterà semplicemente un portone blindato di classe 2, mentre se dovete proteggere beni di valore oppure una villa signorile chiaramente sono maggiormente indicate porte di classi 3 e 4. Quindi, come è facilmente intuibile, la scelta di tali prodotti dipende dal rischio effettivo per l’abitazione ed ovviamente le persone che ci vivono, oltre alla protezione di determinati beni di valore.
Sempre più aziende si occupano della produzione e vendita di porte e portoni blindati, offrendo prodotti di qualità in diversi colori e rivestimenti. Le numerose aziende del settore offrono un’ampia gamma di prodotti – con diversi rivestimenti e colori disponibili. Potrete scegliere infissi con pannelli in legno laccato oppure in legno massello, ma anche quelli con vetro antiproiettile – per avere una protezione assolutamente totale.

Tra le varie aziende che producono portoni blindati vi segnaliamo Infistil, impresa riminese garanzia di qualità ed esperienza in questo settore così delicato. In tal senso, essa utilizza infatti tecniche costruttive davvero all’avanguardia che sapranno soddisfare qualsiasi vostra esigenza. Infine, se siete amanti del green, potrete ricevere una detrazione del 65% dal costo totale dell’infisso che soddisfa parametri riguardanti il risparmio energetico. Una scelta quindi perfetta sia per la vostra sicurezza che per il vostro portafogli.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.