Cos’è e come funziona la cremazione?


A causa della natura del processo di cremazione eventuali oggetti personali o materiali di pregio, come l’oro dei denti o gioielli, così come qualsiasi protesi del corpo o ponti dentali, che vengono lasciati con il defunto e non vengono rimossi dalla bara o dal contenitore prima della cremazione, saranno distrutti e perciò mai più recuperabili.
La bara o il contenitore non saranno aperti dal crematorio per rimuovere gli oggetti di valore, per consentire la visualizzazione finale o per qualsiasi altro motivo.
Ogni operazione di recupero di beni o oggetti di valore di questo tipo, deve essere effettuata dalla prima agenzia funebre e prima che la bara venga chiusa.

Dopo il periodo di raffreddamento, i resti cremati vengono spazzati o rastrellati dalla camera di cremazione. Il crematorio fa un ragionevole sforzo per rimuovere tutti i resti, per quanto possibile, vengono rimossi dalla camera di cremazione, tutti i materiali non combustibili: ponti, e materiali della bara o il contenitore, come le cerniere, serrature, chiodi, ecc, ma anche particelle di osso o di altri residui umani.

Quando i resti cremati vengono rimossi dalla camera di cremazione, i resti scheletrici spesso contengono frammenti ossei riconoscibili. Salvo diversamente specificato, dopo che i frammenti ossei sono stati separati dagli altri materiali, che verranno quindi processati meccanicamente.
Questa operazione viene anche “polverizzazione” e comprende la macinazione o frantumazione dei resti ossei con il residuo della lavorazione dei resti in precedenza cremati, in particelle di dimensioni granulato non identificabili, praticamente irriconoscibili come resti umani, prima del posizionamento in un vaso designato.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.