La nascita del nastro adesivo ed i suoi molteplici impieghi

scotch

Il famoso “Scotch” o meglio nastro adesivo ha ben 92 anni, eppure aiuta ancora in piccoli e grandi lavori domestici e di cancelleria in maniera efficiente, pratica e veloce, da decenni fino ad oggi.

La storia del nastro adesivo affonda le radici negli Anni Venti e si lega a quella dell’automobile: per facilitare la verniciatura delle auto, infatti, Richard Drew nel 1925 inventa questa pellicola di cellophane con un lato adesivo da poggiare sulla carrozzeria per verniciarla e poi essere rimossa facilmente.
Era l’antenato dello Scotch e venne commercializzato nel 1930.

Il nome “Scotch” deriva invece da un aneddoto divertente: un giorno durante dei test uno dei nastri non aderiva bene, allora uno degli operai esclamò a un collega di riportarlo ai suoi capi scozzesi (“Scotch bosses”) per metterci più adesivo. In realtà i titolari dell’azienda non erano scozzesi ma era un modo di dire per indicare che erano avari, eppure quell’aneddoto diede il nome a uno dei materiali entrato ormai nelle nostre vite, di generazione in generazione, come vero e proprio compendio del nostro quotidiano.
Il nastro adesivo si è adattato a molteplici utilizzi, a seconda della superficie di attacco: pietra, acciaio, tessuto, intonaco, e così via. La scelta del nastro dipende quindi dal campo di utilizzo: non tutti i nastri sono uguali e bisogna considerare anche, oltre al loro potere adesivo, ma loro facilità nell’essere staccati e la loro resistenza a condizioni ambientali come caldo, umidità, freddo.

Oggi infatti lo Scotch è protagonista in molti lavori e attività: dall’ambito scolastico per progetti creativi, come isolante per lavori di elettricità, ad uso specifico su muri per non imbrattarli, per finire con l’imballaggio di scatole di cartone utili ogni qual volta si fa un trasloco.
Orsini imballaggi da quarant’anni è leader nella vendita di scatole e nastri adesivi per imballaggi, con soluzioni di imballaggio personalizzate, robuste e resistenti, per porre al sicuro gli oggetti a cui si tiene.
L’azienda si rivolge sia a privati che aziende e offre una vasta scelta di nastri adesivi, con tipologie per ogni esigenza: in Polipropilene, economico e per un utilizzo quotidiano; adesivo in PVC, che non lascia residui e non si ripiega su se stesso nella stesura; nastro Carta, adatto a mascherature, nell’edilizia e per verniciare, e molti altri ancora a disposizione dei clienti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.